Questo sito utilizza i cookie per migliorarne la consultazione. Come usiamo i cookie e come modificare le proprie impostazioni.

Formazioni del Consiglio

Il Consiglio dell'UE è un'entità giuridica unica, ma si riunisce in dieci diverse "formazioni", a seconda dell'argomento trattato:

 

Non vi è gerarchia tra le varie formazioni del Consiglio, sebbene il Consiglio "Affari generali" abbia uno speciale ruolo di coordinamento e sia responsabile delle questioni istituzionali, amministrative e orizzontali. Anche il Consiglio "Affari esteri" ha una competenza speciale.

Poiché il Consiglio è un'entità giuridica unica, qualunque delle dieci formazioni può adottare un atto del Consiglio rientrante nelle competenze di un'altra formazione. Pertanto, in nessuno degli atti adottati dal Consiglio è menzionata la formazione che ha proceduto all'adozione.

Inizio pagina

Consiglio "Affari generali"

Il Consiglio "Affari generali" coordina i preparativi per le riunioni del Consiglio europeo (la riunione dei capi di Stato o di governo degli Stati membri dell'UE). Il suo compito è garantire la coerenza dei lavori delle varie formazioni del Consiglio.

Inoltre, il Consiglio "Affari generali" definisce il quadro finanziario pluriennale dell'UE (il bilancio settennale dell'UE che provvede il finanziamento dell'insieme dei programmi e delle attività), garantisce la supervisione del processo di allargamento dell'UE e dei negoziati di adesione e tratta le questioni relative all'assetto istituzionale dell'UE.

Il Consiglio europeo può incaricare il Consiglio "Affari generali" di trattare anche altre questioni.

 

Come lavora il Consiglio "Affari generali"?

Il Consiglio "Affari generali" è composto essenzialmente dai ministri degli affari europei di tutti gli Stati membri dell'UE. La Commissione europea è abitualmente rappresentata dal Commissario responsabile delle relazioni interistituzionali, a seconda degli argomenti trattati.

Le sessioni del Consiglio "Affari generali" si tengono una volta al mese.

 

Inizio pagina

Consiglio "Affari esteri"

Il Consiglio "Affari esteri" è responsabile dell'azione esterna dell'UE, che copre un'ampia gamma di ambiti, dalla politica estera e la difesa al commercio e alla cooperazione allo sviluppo, fino agli aiuti umanitari. Esso definisce e attua la politica estera e di sicurezza dell'UE sulla scorta degli orientamenti definiti dal Consiglio europeo.

Il compito principale del Consiglio "Affari esteri", assieme alla Commissione europea e con l'assistenza dell'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, è garantire l'unità, la coerenza e l'efficacia dell'azione esterna dell'UE.

L'alto rappresentante e gli Stati membri possono sottoporre al Consiglio "Affari esteri" proposte in materia di politica estera e di sicurezza comune. Anche la Commissione europea può presentare proposte congiunte insieme all'alto rappresentante in materia di politica estera e di sicurezza comune.

 

Come lavora il Consiglio "Affari esteri"?

Il Consiglio "Affari esteri" è composto dai ministri degli esteri di tutti gli Stati membri dell'UE. A seconda dell'ordine del giorno, esso può riunire anche:

  • i ministri della difesa (politica di sicurezza e di difesa comune)
  • i ministri dello sviluppo (cooperazione allo sviluppo)
  • i ministri del commercio (politica commerciale comune)

Le sessioni del Consiglio "Affari esteri" sono presiedute dall'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, incarico ricoperto attualmente da Catherine Ashton.

Quando invece discute questioni di politica commerciale comune, il Consiglio "Affari esteri" è presieduto dal rappresentante dello Stato membro dell'UE che esercita la presidenza semestrale a rotazione del Consiglio dell'UE.

L'alto rappresentante è assistito dal Servizio europeo per l'azione esterna (SEAE).

Il Consiglio "Affari esteri" si riunisce una volta al mese.

 

Inizio pagina

Consiglio "Economia e finanza" (ECOFIN)

Il Consiglio "Economia e finanza" è responsabile della politica dell'UE in tre settori principali: politica economica, fiscalità e regolamentazione dei servizi finanziari.

Sono di sua competenza anche le questioni giuridiche e pratiche riguardanti la moneta unica dell'UE, ossia l'euro. Esso coordina inoltre le posizioni dell'UE nelle riunioni a livello internazionale, come quelle del G-20, del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, ed è responsabile degli aspetti finanziari dei negoziati internazionali sulle misure per affrontare i cambiamenti climatici.

 

Come lavora il Consiglio ECOFIN?

Il Consiglio ECOFIN è composto dai ministri dell'economia e delle finanze di tutti gli Stati membri. Partecipano alle sue sessioni anche i pertinenti Commissari europei.

Sono inoltre organizzate sessioni specifiche dell'ECOFIN per la preparazione del bilancio annuale dell'UE, cui partecipano i ministri del bilancio nazionali e il Commissario europeo per la programmazione finanziaria e il bilancio.

L'ECOFIN si riunisce generalmente una volta al mese.

 

Inizio pagina

Consiglio "Giustizia e affari interni" (GAI)

Il Consiglio "Giustizia e affari interni" elabora politiche comuni e di cooperazione su vari aspetti transfrontalieri, al fine di realizzare uno spazio di giustizia a livello di UE.

Tra le questioni transfrontaliere affrontate figurano la salvaguardia dei diritti fondamentali, la libera circolazione dei cittadini, la protezione civile, le questioni relative all'asilo e all'immigrazione, le indagini comuni sulla criminalità organizzata transfrontaliera, la strategia dell'UE in materia di sicurezza, compresa la lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata, alla criminalità informatica e alla radicalizzazione violenta.

 

Come lavora il Consiglio "Giustizia e affari interni "?

Il Consiglio GAI è composto dai ministri della giustizia e degli affari interni di tutti gli Stati membri dell'UE. I ministri della giustizia si occupano della cooperazione giudiziaria in materia civile e penale, mentre i ministri degli affari interni sono responsabili, tra l'altro, della  gestione delle frontiere e della cooperazione di polizia.

Il Consiglio GAI si riunisce generalmente ogni due mesi.

La Danimarca, il Regno Unito e l'Irlanda non partecipano pienamente all'attuazione di alcune delle misure in materia di giustizia e affari interni, o la loro partecipazione è subordinata a determinate condizioni.

 

Inizio pagina

Consiglio "Occupazione, politica sociale, salute e consumatori" (EPSCO)

Il Consiglio EPSCO si adopera per aumentare i livelli di occupazione e migliorare le condizioni di vita e di lavoro garantendo un livello elevato di salute umana e di protezione dei consumatori all'interno dell'UE.

Come lavora il Consiglio EPSCO?

Il Consiglio EPSCO riunisce i ministri responsabili dell'occupazione, degli affari sociali, della salute e della politica dei consumatori di tutti gli Stati membri dell'UE. Partecipano alle sue sessioni anche i pertinenti Commissari europei.

Sono organizzate generalmente quattro sessioni del Consiglio EPSCO all'anno, di cui due di norma dedicate esclusivamente all'occupazione e alla politica sociale. 

 

Inizio pagina

Consiglio "Competitività"

Il Consiglio "Competitività" si adopera per rafforzare la competitività e aumentare la crescita nell'UE. Si occupa di quattro aree  tematiche principali: mercato interno, industria, ricerca e innovazione, e spazio.

 

Come lavora il Consiglio "Competitività"?

A seconda dell'ordine del giorno, il Consiglio "Competitività" riunisce i ministri responsabili del commercio, dell'industria, della ricerca e dell'innovazione, dell'economia e dello spazio di tutti gli Stati membri. Partecipano alle sessioni anche i pertinenti Commissari europei.

Le sessioni si svolgono almeno quattro volte all'anno.

 

Inizio pagina

Consiglio "Trasporti, telecomunicazioni e energia" (TTE)

Il Consiglio TTE si adopera per realizzare gli obiettivi dell'UE in materia di trasporti, telecomunicazioni ed energia: creare mercati e infrastrutture moderni, competitivi ed efficienti, e realizzare reti transeuropee nei settori dei trasporti, delle comunicazioni e dell'energia.

Come lavora il Consiglio "Trasporti, telecomunicazioni e energia"?

La composizione e il numero di sessioni del Consiglio TTE  variano in funzione delle tematiche all'ordine del giorno:

  • i ministri dei trasporti si riuniscono di norma quattro volte all'anno
  • i ministri dell'energia si riuniscono tre o quattro volte all'anno
  • i ministri delle telecomunicazioni si riuniscono due volte all'anno

Partecipano alle sessioni anche i pertinenti Commissari europei.

 

Inizio pagina

Consiglio "Agricoltura e pesca"

Il Consiglio "Agricoltura e pesca" adotta atti legislativi in una serie di settori riguardanti la produzione alimentare, lo sviluppo rurale e la gestione della pesca.

 

Come lavora il Consiglio "Agricoltura e pesca"?

Il Consiglio "Agricoltura e pesca" riunisce i ministri di tutti gli Stati membri dell'UE. La maggior parte degli Stati membri è rappresentata da un ministro per entrambi i settori, mentre altri inviano un ministro per l'agricoltura e uno per la pesca.

Partecipano alle sessioni anche il Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale o il Commissario europeo per gli affari marittimi e la pesca.

Le sessioni si svolgono generalmente una volta al mese.

 

Inizio pagina

Consiglio "Ambiente"

Il Consiglio "Ambiente" è responsabile della politica ambientale dell'UE, compresa la protezione dell'ambiente, l'uso prudente delle risorse e la protezione della salute umana. Si occupa inoltre di questioni ambientali di rilevanza internazionale, soprattutto con riguardo ai cambiamenti climatici.

Come lavora il Consiglio "Ambiente"?

Il Consiglio "Ambiente" è composto dai ministri responsabili delle questioni concernenti l'ambiente. Alle sessioni, la Commissione europea è rappresentata dal Commissario per l'ambiente e dal Commissario per l'azione per il clima.

Sono organizzate circa quattro sessioni del Consiglio "Ambiente" all'anno. 

 

Inizio pagina

Consiglio "Istruzione, gioventù, cultura e sport"

I settori contemplati dal Consiglio "Istruzione, gioventù, cultura e sport" rientrano nelle competenze degli Stati membri. Il ruolo dell'UE in materia di istruzione, gioventù, cultura e sport consiste pertanto nel fornire un quadro di cooperazione tra gli Stati membri per lo scambio di informazioni ed esperienze negli ambiti di comune interesse.

In alcuni casi, dove i trattati lo consentono, l'UE può anche adottare iniziative legislative, ad esempio in materia di audiovisivi e di reciproco riconoscimento dei diplomi.

La politica dell'istruzione è inoltre un elemento cruciale della strategia Europa 2020.

 

Come lavora il Consiglio "Istruzione, gioventù, cultura e sport"?

Il Consiglio "Istruzione, gioventù, cultura e sport" è composto dai ministri responsabili dell'istruzione, della cultura, della gioventù, dei media, della comunicazione e dello sport di tutti gli Stati membri dell'UE. La composizione precisa del Consiglio dipende dagli argomenti discussi in una determinata sessione.

Alle sessioni del Consiglio partecipa anche un rappresentante della Commissione europea, generalmente il Commissario per l'istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù.

Il Consiglio "Istruzione, gioventù, cultura e sport"  si riunisce tre o quattro volte all'anno, di cui due in formazione piena. 

 

Inizio pagina