Consiglio "Competitività"

Consiglio dell'UE

Il Consiglio "Competitività" si adopera per rafforzare la competitività e potenziare la crescita nell'UE. Si occupa di quattro importanti settori politici: mercato interno, industria, ricerca e innovazione, spazio.

Come lavora il Consiglio "Competitività"?

In funzione dell'ordine del giorno, il Consiglio "Competitività" riunisce i ministri competenti in materia di commercio, economia, industria, ricerca e innovazione e spazio di tutti gli Stati membri. Alle sessioni partecipano inoltre i pertinenti commissari europei.

Le sessioni si svolgono almeno quattro volte all'anno.

La politica della competitività in Europa

Nel suo ruolo di decisore, il Consiglio mira a rafforzare la competitività e la crescita dell'UE. E' attivo pertanto in una varietà di settori politici, quali il mercato interno, l'industria, la ricerca e l'innovazione, lo spazio.

Nell'ambito del mercato interno, il Consiglio è impegnato in quanto legislatore a rimuovere le barriere che ostacolano i flussi transfrontalieri di prodotti, manodopera, capitali e servizi.

Nel settore industriale il Consiglio associa un approccio orizzontale, volto a integrare le questioni di politica industriale in tutte le altre politiche pertinenti dell'UE, con un approccio specifico che si occupa delle esigenze di ciascun settore.

Il Consiglio è impegnato nel miglioramento del contesto imprenditoriale, in particolare per le PMI. Tale obiettivo è ricercato attraverso l'attività di colegislatore su misure specifiche dirette alle PMI, quali il miglioramento dell'accesso ai finanziamenti, la semplificazione delle procedure amministrative e la promozione dell'innovazione.

In materia di ricerca, innovazione e spazio, il Consiglio mira a rafforzare la base scientifica e tecnologica dell'industria europea, rafforzando in tal modo la sua competitività internazionale e incoraggiando la crescita e l'occupazione. Il Consiglio collabora inoltre con l'Agenzia spaziale europea per sviluppare la politica spaziale europea.

Priorità della presidenza estone

La presidenza estone prevede di portare a termine l'approvazione del regolamento sui blocchi geografici ingiustificati nel mercato unico. Intende anche avviare le discussioni iniziali sul pacchetto di riforma del diritto societario.

Nel settore dell'armonizzazione tecnica, la presidenza estone lavorerà alla proposta sull'omologazione e sulla vigilanza del mercato dei veicoli a motore.

La presidenza si concentrerà sul secondo pacchetto di riforma dei diritti d'autore. Promuoverà inoltre l'integrazione della politica industriale nelle iniziative strategiche dell'UE e condurrà discussioni sulla via da seguire per rafforzare l'industria dell'UE e aumentare la competitività.

Riguardo alla ricerca, il tema prioritario della presidenza estone è la valutazione intermedia del programma quadro di ricerca e innovazione dell'Unione europea Orizzonte 2020. Contribuirà al dibattito sul futuro del programma spaziale dell'UE Copernicus.