Consiglio "Trasporti, telecomunicazioni e energia" (TTE)

Consiglio dell'UE

Il Consiglio TTE si adopera per realizzare gli obiettivi dell'UE in materia di trasporti, telecomunicazioni ed energia: creare mercati e infrastrutture moderni, competitivi ed efficienti e realizzare reti transeuropee nei settori dei trasporti, delle comunicazioni e dell'energia.

Come lavora il Consiglio "Trasporti, telecomunicazioni e energia"?

La composizione e il numero di sessioni del Consiglio TTE variano in funzione delle tematiche all'ordine del giorno:

  • i ministri dei trasporti si riuniscono di norma quattro volte all'anno;
  • i ministri dell'energia si riuniscono tre o quattro volte all'anno;
  • i ministri delle telecomunicazioni si riuniscono due volte all'anno.

Partecipano alle sessioni anche i commissari europei competenti.

Politica in materia di trasporti, telecomunicazioni e energia

Nel settore dei trasporti, il Consiglio è responsabile dell'adozione, insieme al Parlamento europeo, degli atti legislativi nel quadro della politica comune dei trasporti, come le norme comuni per i trasporti internazionali, le condizioni per gli operatori del settore e le misure intese a rafforzare i diritti dei passeggeri e la sicurezza dei trasporti. Uno degli obiettivi principali è la messa a punto di sistemi di trasporto sostenibili, caratterizzati da un basso consumo energetico e da un'accresciuta mobilità degli utenti grazie al miglioramento della durata dei trasporti e delle rotte.

Nel settore energetico, il Consiglio è responsabile dell'adozione, insieme al Parlamento europeo, della normativa sul funzionamento dei mercati energetici, al fine di garantire la sicurezza dell'approvvigionamento energetico, promuovere l'efficienza energetica nonché nuove energie rinnovabili, e incoraggiare l'interconnessione delle reti energetiche.

In materia di telecomunicazioni, il Consiglio è responsabile dell'adozione, insieme al Parlamento europeo, della normativa e degli orientamenti sulle reti di telecomunicazioni e la loro interoperabilità. La politica dell'UE è inoltre intesa a migliorare la concorrenza, la sicurezza informatica e l'innovazione nel settore delle telecomunicazioni.