Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo

Per seguire Donald Tusk:

In primo piano

Visita in Slovenia e Croazia, 30 agosto - 1º settembre 2015

Dal 30 agosto al 1º settembre 2015 il presidente Tusk ha visitato Slovenia e Croazia per discutere di migrazione, della situazione nei Balcani occidentali nonché di altre sfide che ha davanti l'Europa.

Il 30 e 31 agosto, nella città di Bled, il presidente Tusk ha incontrato Miro Cerar, primo ministro della Slovenia, con cui ha avuto uno scambio di opinioni su quanto l'Unione europea già fa in materia di assistenza e migrazione e sul modo in cui orientare meglio gli sforzi per risolvere la crisi.

Il 31 agosto il presidente del Consiglio europeo ha altresì incontrato Borut Pahor, presidente della Slovenia. 

Nel corso della visita il presidente Tusk ha partecipato al Forum strategico 2015 di Bled, dove ha pronunciato l'intervento di apertura e preso parte al gruppo di discussione intitolato "New Global Order: Confrontation or Partnership" (Nuovo ordine globale: confronto o partenariato).

"Dobbiamo pensare alla nostra Europa con maggiore affetto e pazienza. Dobbiamo proteggerla non solo dalle minacce esterne quando esse emergono, ma anche dalle tentazioni interne di cambiamenti rivoluzionari e assoluti", ha affermato il presidente Tusk.

Il 1º settembre il presidente Tusk ha visitato la Croazia, dove ha incontrato il presidente Kolinda Grabar-Kitarović e il primo ministro Zoran Milanović.

La visita in Slovenia e Croazia ha rappresentato una buona opportunità per dimostrare la determinazione dell'UE a creare maggiore stabilità e prosperità nella regione.

Riunione con Petro Poroshenko, presidente dell'Ucraina

27 agosto 2015

Il 27 agosto il presidente Tusk ha incontrato Petro Poroshenko, presidente dell'Ucraina, per una colazione di lavoro presso la sede del Consiglio europeo a Bruxelles. 

L'incontro ha offerto l'occasione di proseguire le discussioni tenutesi nel corso dell'anno sui seguenti temi:

  • la crisi nell'Ucraina orientale e l'applicazione degli accordi di Minsk
  • la situazione interna in Ucraina, comprese le prospettive economiche, le prossime elezioni locali e le riforme costituzionali
  • l'attuazione dell'accordo di associazione e le riforme politiche ed economiche in Ucraina, compresa l'assistenza finanziaria e di altro tipo dell'UE

Dal 1º dicembre 2014 Donald Tusk è a capo del Consiglio europeo, l'istituzione che stabilisce le priorità e gli orientamenti politici dell'UE. È suo compito preparare e presiedere le riunioni dell'istituzione. Assicura inoltre la rappresentanza esterna della politica estera e di sicurezza comune dell'UE al suo livello.