Consiglio “Occupazione, politica sociale, salute e consumatori”, 15-16.6.2017

Consiglio dell'UE

Principali risultati

Questioni sanitarie - 16 giugno

Obesità infantile

Il Consiglio ha adottato conclusioni in cui si chiede agli Stati membri di contrastare l'obesità infantile affrontando sia la mancanza di attività fisica che diete poco sane. I paesi dell'UE sono invitati a promuovere l'attività fisica nelle scuole e nei circoli ricreativi. Dovrebbero inoltre ridurre la pubblicità e la sponsorizzazione, destinate ai bambini e agli adolescenti, di alimenti ad alto contenuto di zuccheri e di grassi.

"L'obesità infantile è una problematica sanitaria sempre più diffusa che deve essere presa molto seriamente. Le persone in sovrappeso sono esposte a un rischio maggiore di sviluppare diabete, asma, ipertensione e malattie cardiovascolari. La situazione è aggravata dal fatto che i bambini in sovrappeso saranno gli adulti in sovrappeso di domani. È pertanto fondamentale agire con tempestività".

Chris Fearne, ministro maltese della salute e presidente del Consiglio

Cooperazione volontaria tra i sistemi sanitari

Il Consiglio ha inoltre adottato conclusioni in cui si incoraggia la cooperazione volontaria tra i sistemi sanitari degli Stati membri. Ciò potrebbe tradursi in risultati migliori per i pazienti e i professionisti sanitari e aumentare l'efficienza dei sistemi sanitari.

La cooperazione volontaria può contribuire a migliorare l'accesso alle cure da parte dei pazienti, in particolare quelli affetti da malattie rare. Può incrementare le competenze all'interno degli Stati membri e l'accesso a tecnologie sanitarie innovative.

Si è convenuto che lo scambio di informazioni sulle politiche nazionali in materia di fissazione dei prezzi e di rimborso e la condivisione delle informazioni sugli accordi in materia di fissazione dei prezzi dei prodotti farmaceutici potrebbero migliorare la trasparenza e rafforzare la posizione degli Stati membri nei negoziati con il settore, nonché rendere i medicinali più accessibili.

Pilastro europeo dei diritti sociali

I ministri della sanità dell'UE hanno accolto con favore la proposta della Commissione per un pilastro europeo dei diritti sociali. Hanno convenuto circa l'obiettivo di garantire l'accesso tempestivo a un'assistenza sanitaria preventiva e terapeutica di buona qualità e a costi accessibili, nel rispetto delle competenze degli Stati membri in materia di politica sanitaria. I ministri hanno sottolineato l'importanza di tenere conto delle diverse tradizioni e specificità nazionali nella selezione degli indicatori per i sistemi sanitari degli Stati membri.

Politica occupazionale e sociale - 15 giugno

Il Consiglio ha discusso il semestre europeo 2017 e ha approvato gli aspetti inerenti alle politiche occupazionali e sociali delle raccomandazioni specifiche per paese. L'obiettivo generale delle raccomandazioni 2017-2018 è incrementare l'occupazione e conseguire una crescita più rapida, tenendo maggiormente conto dell'equità sociale.

Il Consiglio ha raggiunto un orientamento generale su una direttiva volta a proteggere i lavoratori contro l'esposizione a sostanze cancerogene sul luogo di lavoro.

"Grazie a questo accordo saremo in grado di proteggere meglio milioni di lavoratori dell'UE contro l'esposizione a sostanze chimiche cancerogene durante il lavoro. Questo è particolarmente importante considerato che il cancro costituisce la prima causa di mortalità connessa al lavoro nell'UE."

Helena Dalli, ministro degli affari europei e delle pari opportunità, presidente del Consiglio

La presidenza ha informato il Consiglio dei risultati del dibattito svoltosi durante la colazione di lavoro in merito al pilastro europeo dei diritti sociali. L'elemento centrale del pilastro è una serie di 20 principi e diritti fondamentali volti a sostenere l'equità e il buon funzionamento dei mercati del lavoro e dei sistemi di protezione sociale.

Il Consiglio ha preso atto dei progressi riguardanti la direttiva relativa al distacco dei lavoratori che mira a garantire parità di condizioni per i prestatori di servizi proteggendo al contempo i lavoratori distaccati.

Ha preso atto dei progressi compiuti in merito alla direttiva concernente l'accessibilità di determinati prodotti e servizi per le persone con disabilità e ai regolamenti riveduti relativi al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale.

Ha inoltre preso atto dei progressi compiuti per quanto concerne le direttive sulla parità di trattamento e sulle donne nei consigli di amministrazione delle società.

Informazioni sulla sessione

  • Sessione n° 3548
  • Lussemburgo
  • 15.6.2017
  • 16.6.2017

Documenti preparatori

Documenti finali

Informazioni stampa

Evi Liaskou (occupazione e politica sociale) e Jérôme Unterhuber (salute)

Contatti stampa

Addetto stampa
+32 22815272
+32 470960477

Addetto stampa
+32 22815394
+32 473923628

Per i non giornalisti: si prega di inviare le richieste al servizio Informazioni al pubblico.