Eurogruppo, 9.9.2016

Eurogruppo
  • Eurogruppo
  • 9.9.2016
  • 09:00
  • Bratislava

Principali risultati

Informazioni sulla riunione

Grecia

Le istituzioni e il ministro delle finanze greco Euclid Tsakalotos hanno informato l'Eurogruppo circa lo stato dei lavori dell'attuazione del programma di aggiustamento economico della Grecia.

Le autorità greche intendono realizzare tempestivamente le tappe fondamentali concordate nel contesto della prima revisione del programma,

tra cui 15 misure relative alla privatizzazione, alla riforma del settore energetico, alla governance delle banche e all'istituzione dell'Agenzia delle entrate. Il raggiungimento di questi risultati costituisce un presupposto per l'erogazione di 2,8 miliardi di EUR da parte del meccanismo europeo di stabilità.

Prossimamente i rappresentanti delle istituzioni si recheranno ad Atene per preparare l'avvio della seconda revisione del programma.

Discussione tematica sulla crescita e l'occupazione: la qualità delle finanze pubbliche

L'Eurogruppo ha proceduto a uno scambio di opinioni sulla base delle esperienze nazionali relative alle revisioni della spesa pubblica dei governi. Tali revisioni sono condotte per valutare l'efficienza e l'efficacia dei fondi pubblici nelle diverse categorie del bilancio di un paese.

La discussione mira ad aiutare gli Stati membri a raggiungere una composizione favorevole alla crescita dei relativi bilanci.

L'Eurogruppo ha adottato una dichiarazione che delinea i principi comuni per il miglioramento dello stanziamento delle spese.

I ministri hanno inoltre convenuto di discutere questo tema periodicamente e intendono affrontarlo nuovamente nella prima metà del 2017.

Questioni di bilancio attuali

L'Eurogruppo ha confermato che gli Stati membri della zona euro dovrebbero presentare i loro documenti programmatici di bilancio per il 2017 tra il 1º e il 15 ottobre di quest'anno.

Tale termine assicurerà che i documenti programmatici di bilancio siano valutati in base a una serie comparabile di ipotesi macroeconomiche. Per i paesi in cui vige un governo di transizione si troverà una soluzione pragmatica.

Secondo la prassi consolidata, più avanti nel corso dell'autunno l'Eurogruppo procederà al dibattito approfondito annuale su tali documenti programmatici, sulla base dei pareri della Commissione europea.

I ministri hanno esaminato brevemente la procedura per i disavanzi eccessivi in corso per la Spagna e il Portogallo. A luglio il Consiglio ha deciso che nessuno dei due paesi aveva preso provvedimenti efficaci per correggere il disavanzo eccessivo entro il termine stabilito. Di conseguenza, sono state fissate nuove scadenze per Portogallo e Spagna, che dovrebbero adottare misure efficaci entro il 15 ottobre. Il Consiglio ha inoltre adottato le proposte della Commissione di annullare le ammende che, in base alle norme del Patto di stabilità e crescita, i due paesi avrebbero dovuto pagare per non aver corretto in tempo i relativi disavanzi.

I ministri hanno inoltre preso atto dei buoni progressi realizzati nei lavori in corso in materia di semplificazione dell'attuazione del Patto di stabilità e crescita.

Ultima modifica 13.9.2016