Eurogruppo, 26.1.2017

Eurogruppo
  • Eurogruppo
  • 26.1.2017
  • 15:00
  • Bruxelles

Principali risultati

Informazioni sulla riunione

Grecia

A seguito della loro missione di riesame ad Atene, in dicembre, le istituzioni hanno informato l'Eurogruppo circa il secondo riesame del programma di aggiustamento macroeconomico.

L'Eurogruppo ha esortato le autorità greche e le istituzioni a riavviare rapidamente i negoziati per concordare un pacchetto di riforme politiche condiviso da tutte le parti interessate. L'accordo su tale pacchetto è una condizione per l'esito positivo del secondo riesame.

Le riforme riguardano i mercati del lavoro e dei prodotti della Grecia, il settore energetico e altri settori. È inoltre previsto un accordo sulla strategia di bilancio a medio termine della Grecia, ossia per il periodo dal 2018 in poi.

Il meccanismo europeo di stabilità (MES), che provvede al finanziamento del programma, ha informato i ministri dei progressi compiuti nell'attuazione delle misure di breve termine di alleviamento del debito per la Grecia. Dette misure, approvate dall'Eurogruppo a dicembre, sono state formalmente adottate il 23 gennaio 2017 dai consigli di amministrazione del MES e del FESF (fondo europeo di stabilità finanziaria).

Obiettivo delle misure è ridurre il rischio di tasso di interesse per la Grecia, anche modificando alcuni tassi di debito da variabile a fisso, e alleggerire l'onere di rimborso del debito. Le misure non hanno alcuna incidenza sul bilancio per i partecipanti al capitale del MES, che sono gli Stati membri della zona euro.

Sorveglianza post-programma in Irlanda e Portogallo

L'Eurogruppo è stato informato sui principali risultati della sesta valutazione della sorveglianza post-programma in Irlanda e della quinta valutazione della sorveglianza post-programma in Portogallo, effettuate entrambe tra la fine di novembre e l'inizio di dicembre 2016.

Le due missioni di sorveglianza post-programma hanno concluso che sia l'Irlanda che il Portogallo sono in grado di rimborsare i prestiti ricevuti nel quadro dei rispettivi programmi.

Consultazioni condotte dall'FMI con la zona euro ai sensi dell'articolo IV

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha informato l'Eurogruppo sui principali risultati della sua missione intermedia nell'ambito delle consultazioni da esso condotte ai sensi dell'articolo IV alla fine del 2016.

L'Eurogruppo ha concordato con la valutazione dell’FMI sulle prospettive economiche per la zona euro e con i pareri espressi circa le sfide strategiche per l'unione monetaria.

La missione finale dell'FMI, che si svolgerà nella seconda parte dell'anno, elaborerà una relazione completa e definitiva.

Semestre europeo: raccomandazione 2017 per la zona euro

L'Eurogruppo ha discusso il progetto di raccomandazione del Consiglio sulla politica economica della zona euro per il 2017.

I ministri hanno convenuto che le raccomandazioni per il 2017 dovrebbero concentrarsi sulla crescita e la creazione di posti di lavoro, su politiche di bilancio sane e sul completamento dell'unione bancaria.

Il progetto di raccomandazione sarà approvato dal Consiglio ECOFIN il 27 gennaio.

Documenti programmatici di bilancio: Spagna e Lituania

L'Eurogruppo ha discusso i documenti programmatici di bilancio aggiornati per il 2017 di Spagna e Lituania. Nell'ottobre 2016 i due paesi hanno presentato documenti programmatici di bilancio sulla base dell'ipotesi di politiche invariate, poiché al momento i rispettivi governi non godevano di pieni poteri di bilancio a causa dei processi elettorali nazionali. Di conseguenza, i due paesi hanno dovuto presentare un documento aggiornato in seguito alla nomina dei rispettivi nuovi governi.

La discussione dell'Eurogruppo si è basata sui relativi pareri della Commissione europea, pubblicati il 17 gennaio. Secondo la Commissione, il documento della Spagna è sostanzialmente conforme alle disposizioni del patto di stabilità e crescita mentre quello della Lituania è a rischio di non conformità.

L'Eurogruppo è d'accordo nel complesso con i pareri espressi dalla Commissione europea. Ha preso atto della richiesta, da parte delle autorità lituane, di applicazione flessibile delle norme del PSC, consentita a determinate condizioni. L'Eurogruppo ha rilasciato una dichiarazione.

Ultima modifica 27.1.2017