Vertice sulla migrazione di La Valletta, 11-12.11.2015

Consiglio europeo
  • Consiglio europeo
  • 11-12.11.2015
  • 00: 00
  • La Valletta
  • Elenco dei partecipanti 

Il vertice sulla migrazione di La Valletta ha riunito i capi di Stato e di governo europei e africani nello sforzo di rafforzare la cooperazione e affrontare non solo le sfide attuali, ma anche le opportunità della migrazione.

Ha riconosciuto che la migrazione rappresenta una responsabilità condivisa dei paesi di origine, di transito e di destinazione. L'UE e l'Africa hanno lavorato in uno spirito di partenariato per trovare soluzioni comuni alle sfide di interesse reciproco. 

I leader che hanno partecipato al vertice hanno adottato una dichiarazione politica e un piano d'azione teso a:

  1. affrontare le cause profonde della migrazione irregolare e dello spostamento obbligato
  2. migliorare la cooperazione sulla migrazione legale e la mobilità
  3. rafforzare la protezione dei migranti e dei richiedenti asilo
  4. prevenire e combattere la migrazione irregolare, il traffico dei migranti e la tratta di esseri umani 
  5. collaborare più strettamente per migliorare la cooperazione in materia di rimpatrio, riammissione e reinserimento

Hanno inoltre concordato un elenco di 16 azioni concrete da attuare entro la fine del 2016. 

Gli attuali meccanismi del processo di Rabat, del processo di Khartoum e della strategia comune UE-Africa verranno utilizzati per monitorare l'attuazione del piano d'azione.

Fondo fiduciario di emergenza per l'Africa

Anche il fondo fiduciario di emergenza dell'UE per la stabilità e la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare e del fenomeno degli sfollati in Africa è stato formalmente avviato in occasione del vertice di La Valletta.

Fornirà finanziamenti supplementari per sostenere l'attuazione del piano d'azione.

Momenti chiave del vertice

L'Unione europea e l'Etiopia hanno firmato un'agenda comune su migrazione e mobilità

L'11 novembre 2015, l'UE e l'Etiopia hanno firmato una dichiarazione congiunta per un'agenda comune su migrazione e mobilità (CAMM), che rispecchia l'importanza chiave dell'Etiopia in quanto paese di origine, di transito e di destinazione dei migranti irregolari e rifugiati dal Corno d'Africa sulla rotta verso l'Europa.

11.11.2015 17.30

Cerimonia di apertura

18.00

Dichiarazione di apertura

Foto di famiglia

12.11.2015 13.30

Conferenza stampa del vertice di La Valletta

Mappa interattiva sulla crisi migratoria
Cliccare sull'immagine per accedere alla mappa interattiva (disponibile solo in inglese e francese)

Informazioni di carattere generale

Negli ultimi mesi l'UE ha dovuto far fronte all'arrivo in Europa di un numero senza precedenti di migranti e rifugiati che si spostano per diversi motivi: fuggono da conflitti, instabilità politica ed economica, violazioni dei diritti umani e povertà.

L'UE, insieme agli Stati membri, ha adottato una serie di misure per rispondere alle sfide sollevate dalla migrazione. La migrazione non è tuttavia solo una questione europea. Anche i paesi di origine o di transito dei flussi migratori irregolari devono essere coinvolti.

Nell'aprile 2015 il Consiglio europeo ha chiesto che sia organizzato un vertice internazionale per discutere di migrazione con i paesi africani e altri paesi chiave coinvolti. Il vertice si è svolto a La Valletta l'11 e 12 novembre 2015 presso il Mediterranean Conference Centre. L'UE è stata rappresentata da Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, e da Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea.

Il vertice ha riunito i capi di Stato e di governo europei e africani nello sforzo di rafforzare la cooperazione in materia di migrazione e affrontare le attuali sfide e opportunità. La conferenza si è basata sui processi di cooperazione esistenti tra l'Europa e l'Africa, in particolare i processi di Rabat e Khartoum sulla migrazione e il dialogo UE-Africa in materia di migrazione e mobilità.

Gli Stati membri dell'UE, i paesi partecipanti ai processi di Rabat e Khartoum, gli osservatori del processo di Rabat, i rappresentanti della Commissione dell'Unione africana e della Commissione della Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (ECOWAS), le Nazioni Unite (ONU), l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e la Federazione internazionale delle società nazionali di Croce Rossa e di Mezzaluna Rossa sono stati invitati a partecipare al vertice.

Crisi migratoria - cronistoria

La cronistoria riportata qui di seguito illustra le principali misure adottate negli ultimi mesi dall'UE, insieme agli Stati membri, per rispondere alle sfide sollevate dalla migrazione.

Si veda anche la pagina dedicata alla pertinente politica sul nostro sito web:

Per maggiori informazioni

Ultima modifica 24.2.2016