Assemblea generale delle Nazioni Unite, New York, 18-22.9.2016

Vertice internazionale
  • Vertice internazionale
  • 18-22.9.2016
  • New York

Il 21 settembre Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, è intervenuto alla 71ª Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) a nome dell’UE. Il suo intervento si è concentrato sui seguenti elementi:

  • la risposta europea alla crisi dei rifugiati e la necessità di una solidarietà mondiale
  • la costruzione di una strategia e di una rete mondiali contro il terrorismo
  • la partecipazione attiva dell'UE per portare la pace nelle zone in cui la guerra è in corso o è imminente, incluso in Ucraina, Siria, Libia e Afghanistan
  • il pieno impegno dell'UE nella lotta contro i cambiamenti climatici

Il 19 settembre il presidente Tusk ha partecipato alla riunione ad alto livello delle Nazioni Unite su come affrontare i grandi movimenti di rifugiati e migranti. "La migrazione globale caratterizzerà il nostro futuro" ha dichiarato" e abbiamo la facoltà di decidere se questo futuro sarà ordinato, stabile e sicuro, o disordinato, instabile e insicuro."

Il 20 settembre il presidente Tusk ha partecipato al vertice dei leader sulla crisi mondiale dei rifugiati organizzato dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama. L'evento si prefiggeva di fissare nuovi impegni globali per accrescere i finanziamenti umanitari, accogliere legalmente un maggior numero di rifugiati e aumentare l'autonomia e l'inclusione dei rifugiati.

A margine dell'UNGA, inoltre, il presidente ha incontrato a livello bilaterale una serie di altri leader.

Le priorità dell'UE all'Assemblea generale dell'ONU

A luglio il Consiglio ha adottato le priorità dell'UE nel contesto delle Nazioni Unite e della 71ª UNGA, che si incentrano sui seguenti elementi:

  • sostenere la pace, lottare contro il terrorismo e operare a favore del disarmo e della non proliferazione
  • affrontare questioni come i flussi migratori e di rifugiati, il sistema degli aiuti umanitari o la protezione dei diritti umani
  • attuare gli accordi raggiunti lo scorso anno, tra cui quelli in materia di sviluppo e di cambiamenti climatici

Programma del presidente Tusk

(ora locale)

18.9.2016 17.00

Incontro con il Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon

All'incontro ha partecipato anche il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans.

19.9.2016 8.30

Cerimonia di apertura della riunione plenaria ad alto livello su come affrontare i grandi movimenti di rifugiati e migranti

19.9.2016 9.30

Incontro con il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi

All'incontro ha partecipato anche l'alto rappresentante dell'UE Federica Mogherini.

10.00

Incontro con il primo ministro della Nuova Zelanda John Key

13.50

Intervento alla riunione plenaria ad alto livello

14.30

Incontro con il primo ministro del Kosovo Isa Mustafa

15.00

Incontro con il primo ministro norvegese Erna Solberg

15.30

Incontro con il presidente dell'ex Repubblica jugoslava di Macedonia Gjorge Ivanov

20.9.2016 9.00

Apertura della 71ª Assemblea generale delle Nazioni Unite

12.00

Incontro con il presidente della presidenza della Bosnia-Erzegovina Bakir Izetbegović

12.30

Incontro con il primo ministro dell'Australia Malcom Turnbull

13.15

Colazione offerta dal Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon

15.30

Vertice dei leader sulla crisi mondiale dei rifugiati

17.00

Intervento al vertice dei leader sulla crisi mondiale dei rifugiati

19.00

Ricevimento alla delegazione dell'UE presso le Nazioni Unite

21.9.2016 12.15

Intervento alla 71ª Assemblea generale delle Nazioni Unite

15.30

Incontro con il primo ministro dell'Iraq Haider al-Abadi

16.00

Incontro con il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina

17.00

Incontro con il primo ministro della Repubblica di Moldova Pavel Filip

17.30

Incontro con il primo ministro della Georgia Giorgi Kvirikashvili

Ultima modifica 22.9.2016