Vertice UE-Ucraina, Bruxelles, 24.11.2016

Vertice internazionale
  • Vertice internazionale
  • 24.11.2016
  • Bruxelles

Informazioni sulla riunione

Giovedì 24 novembre Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, ha ospitato il 18º vertice UE-Ucraina. Ha rappresentato l'UE insieme al presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Il presidente Petro Poroshenko ha rappresentato l'Ucraina.

Riforme

Le discussioni dei leader si sono concentrate sulle riforme in Ucraina. Dall'ultimo vertice tenutosi nel 2015 l'Ucraina ha lavorato a un ambizioso programma di riforme, con il pieno sostegno dell'UE.

"Stimiamo molto gli sforzi delle autorità ucraine, ivi compresi quelli del presidente Poroshenko, volti all'attuazione di riforme su ampia scala in condizioni estremamente difficili. Il successo dell’Ucraina sarà il successo di tutta l’Europa," ha dichiarato il presidente Donald Tusk alla conferenza stampa al termine del vertice.

Il vertice di novembre ha confermato un ulteriore importo di 104 milioni di EUR a sostegno della riforma della pubblica amministrazione. I rappresentanti dell’UE e dell’Ucraina hanno inoltre firmato:

  • un accordo di finanziamento relativo all'"iniziativa dell'UE anticorruzione in Ucraina" (sostegno pari a 15 milioni di EUR)
  • un memorandum d'intesa su un partenariato strategico nel settore dell'energia tra l'UE e l'Ucraina

Liberalizzazione dei visti

Il vertice è stato l'occasione per accogliere favorevolmente le recenti misure verso l'abolizione del visto per i cittadini ucraini che si recano nell'UE e viceversa. Il 17 novembre il Consiglio ha convenuto la propria posizione, dimostrando i propri impegni a favore della liberalizzazione dei visti per l'Ucraina, in vista dei negoziati con il Parlamento europeo.

"Sono lieto che tutti gli Stati membri dell'UE abbiano deciso che l'Ucraina è pronta per un regime di esenzione dall'obbligo del visto. La presente decisione è un riconoscimento dei risultati conseguiti dall’Ucraina nel soddisfare le norme europee," ha dichiarato il presidente Tusk.

Crisi e conflitto

I leader dell'UE e dell'Ucraina hanno inoltre discusso dell'attuazione degli accordi di Minsk.

"L’Europa deve fare tutto ciò che è in suo potere per assicurare il mantenimento dell’indipendenza, della sovranità e della stabilità dell'Ucraina," ha dichiarato il presidente Tusk. "Continuiamo a sostenere il processo di Minsk e le nostre sanzioni sono collegate alla piena attuazione degli accordi di Minsk," ha aggiunto.

Al termine della riunione il presidente ucraino ha invitato i leader dell’UE a recarsi a Kiev per il prossimo vertice UE-Ucraina del 2017.

Ultima modifica 25.11.2016