Vertice del G20 ad Amburgo, Germania, 7-8.7.2017

Vertice internazionale
  • Vertice internazionale
  • 7-8.7.2017
  • Germania

I leader del G20 si sono riuniti ad Amburgo, in Germania, il 7 e 8 luglio. Al vertice l'UE era rappresentata dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Il tema del vertice di quest'anno era "Dare forma a un mondo interconnesso".

I leader hanno adottato una dichiarazione che pone l'accento sui seguenti obiettivi:

  • condividere i vantaggi della globalizzazione
  • rafforzare la resilienza
  • migliorare la sostenibilità dei mezzi di sussistenza
  • assumere la responsabilità

Hanno anche adottato un piano d'azione per intensificare la cooperazione in materia di lotta al terrorismo e contrastare i combattenti terroristi stranieri.

In tema di energia e clima, i leader hanno preso atto del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi. I leader degli altri membri del G20 hanno dichiarato che l'accordo di Parigi è irreversibile e hanno approvato il piano d'azione del G20 di Amburgo sul clima e l'energia per la crescita.

In materia di migrazione e crisi dei rifugiati i leader hanno convenuto di intensificare il coordinamento e di agire contro i responsabili della tratta e del traffico di esseri umani. Affrontare le cause profonde della migrazione e sostenere i paesi di origine e di transito sono altrettanti obiettivi prioritari per i leader.

"Il traffico di migranti è un'attività organizzata. L'anno scorso ha generato un giro d'affari di 1,6 miliardi di dollari nella sola Libia. Grazie a questi proventi i trafficanti sono in grado di controllare alcune parti del paese. Cooperano inoltre con i terroristi e compromettono ulteriormente la stabilizzazione della Libia.”

Il presidente Donald Tusk alla conferenza stampa prima del vertice del G20, 7 luglio 2017

I leader hanno sottolineato la necessità di aiutare più efficacemente le persone a cogliere le opportunità e i vantaggi della globalizzazione economica. Hanno anche discusso le modalità per continuare a costruire un sistema finanziario aperto e resiliente.

I leader si sono impegnati ad aumentare a livello internazionale la cooperazione fiscale e la trasparenza finanziaria, come anche ad affrontare la questione dell'eccesso della capacità produttiva di acciaio.

Lo sviluppo dell'Africa resta altamente prioritario per il G20. I leader hanno varato il partenariato del G20 con l'Africa per stimolare la crescita e l'occupazione nel continente. Tra le azioni previste, l'iniziativa del G20 per l'occupazione giovanile nelle zone rurali, che contribuirà a creare 1,1 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2022.

I leader hanno sottolineato l’importanza di sfruttare la digitalizzazione per conseguire una crescita inclusiva e sostenibile. Promuovere l’alfabetizzazione e le competenze digitali è fondamentale per preparare meglio le persone al futuro del lavoro.

I leader hanno anche convenuto di intraprendere ulteriori azioni per conseguire la parità di genere. Hanno sottolineato il ruolo della digitalizzazione e delle TIC a sostegno dell'emancipazione femminile.

I leader hanno inoltre evidenziato il valore della cooperazione internazionale in ambito sanitario, in particolare per combattere più efficacemente la resistenza antimicrobica.

La 13ª edizione del vertice del G20 sarà ospitata dall'Argentina nel 2018.

Altri documenti approvati

I leader del G20 hanno approvato anche una serie di altri documenti:

Priorità dell'UE al vertice dei leader del G20

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker hanno presentato, in una lettera congiunta indirizzata ai capi di Stato o di governo dell'UE, i temi principali del vertice:

  • il ruolo del G20 nel far sì che l'economia mondiale vada a beneficio di tutti
  • un sistema commerciale multilaterale aperto e disciplinato da regole eque e un sistema monetario e finanziario internazionale resiliente
  • i vantaggi economici dell'azione per i clima e il potenziale della rivoluzione digitale
  • l'elusione e l'evasione fiscali
  • la lotta al terrorismo e al finanziamento del terrorismo
  • la responsabilità condivisa per i rifugiati e i migranti, e il partenariato con l'Africa per gli investimenti, la crescita e l'occupazione

Informazioni generali​

Il G20 riunisce 19 paesi oltre all'UE. I membri del G20 rappresentano oltre l'80% del prodotto interno lordo (PIL) mondiale e quasi due terzi della popolazione del pianeta.

Il vertice del G20 è stato istituito nel 2008, in un contesto di crisi finanziaria globale, per aumentare la cooperazione economica internazionale. Da allora i membri del G20 si incontrano annualmente per discutere un'ampia gamma di questioni relative alla cooperazione economica e finanziaria.

L'UE quale membro del G20

L'Unione europea è membro a pieno titolo del G20 insieme a quattro dei suoi Stati membri: Francia, Germania, Italia e Regno Unito. Inoltre, la Spagna è un invitato permanente al G20 e i Paesi Bassi sono un paese partner.

L'UE dispone di un proprio seggio al tavolo del G20, in quanto è uno dei maggiori soggetti economici globali con competenze specifiche nei settori del commercio, della politica economica, della regolamentazione finanziaria, dello sviluppo, dell'energia e dei cambiamenti climatici.

Ultima modifica 10.7.2017