Accordo commerciale UE-Canada: il Consiglio adotta la decisione di firmare il CETA

Consiglio dell'UE
  • 28.10.2016
  • 22:15
  • Comunicato stampa
  • 623/16
  • Commercio internazionale e dogane
  • Affari esteri e relazioni internazionali
28.10.2016
Contatti stampa

Veronica Huertas Cerdeira
Addetto stampa (affari interni; coordinamento antiterrorismo)
+32 22814548
+32 470882199

Il 28 ottobre 2016 il Consiglio ha adottato mediante procedura scritta un pacchetto di decisioni sull'accordo economico e commerciale globale (CETA) con il Canada, che comprende:

  • una decisione sulla firma dell'accordo
  • una decisione sull'applicazione provvisoria dell'accordo
  • una decisione di richiedere l'approvazione del Parlamento europeo per la conclusione dell'accordo

I rappresentanti degli Stati membri hanno inoltre adottato uno strumento interpretativo comune. Si tratta di un testo comune con il Canada che fornirà un'interpretazione vincolante dei termini del CETA su questioni specifiche.

"Sono lieto di confermare che l'UE è pronta a firmare l'accordo economico e commerciale globale con il Canada. Tale accordo rappresenta una pietra miliare della politica commerciale dell'UE e del nostro impegno nei suoi confronti" ha dichiarato Robert Fico, primo ministro della Slovacchia, che detiene attualmente la presidenza del Consiglio dell'UE. "Il CETA è un accordo moderno e innovativo, che apre la strada a nuove opportunità, tutelando al contempo interessi importanti. Inoltre, esso potrebbe servire a definire la via da seguire per futuri accordi commerciali."

Il CETA eliminerà più del 99% delle tariffe attualmente imposte sugli scambi commerciali tra l'UE e il Canada. Esso fissa standard elevati per la tutela dei consumatori, dell'ambiente e del lavoro.

L'accordo include disposizioni in materia di accesso al mercato di beni, servizi, investimenti e appalti pubblici, nonché in materia di diritti di proprietà intellettuale, misure sanitarie e fitosanitarie, sviluppo sostenibile, cooperazione normativa, riconoscimento reciproco, facilitazione degli scambi, cooperazione sulle materie prime, risoluzione delle controversie e ostacoli tecnici agli scambi.

I negoziati con il Canada sono stati condotti sulla base di un mandato approvato dal Consiglio nel 2009. A seguito di una decisione del Consiglio del settembre 2011, sono stati avviati nel quadro del CETA anche i colloqui sulla tutela degli investimenti.

Il 5 luglio 2016 la Commissione ha proposto che l'accordo fosse firmato e concluso come accordo "misto". Ciò significa che, per quanto riguarda l'Unione, esso deve essere firmato sia dall'UE che dagli Stati membri ed essere ratificato da tutti i pertinenti parlamenti nazionali e regionali.

L'accordo sarà applicato in via provvisoria non appena il Parlamento europeo avrà dato il proprio consenso alla sua conclusione, in attesa della ratifica da parte di tutti gli Stati membri. L'applicazione provvisoria riguarderà essenzialmente le disposizioni di competenza esclusiva dell'UE.

Accordo di partenariato strategico

Il Consiglio ha altresì adottato una decisione relativa alla firma e all'applicazione provvisoria di un accordo di partenariato strategico tra l'UE e il Canada. Tale accordo intende approfondire il dialogo politico e la cooperazione tra l'UE e il Canada e consentirà di rafforzare le relazioni in settori quali i diritti umani, la pace e la sicurezza internazionali, lo sviluppo economico e sostenibile, nonché la giustizia, la libertà e la sicurezza.