Questo sito utilizza i cookie per migliorarne la consultazione. Come usiamo i cookie e come modificare le proprie impostazioni.

Diritti dei cittadini

Promuovere i diritti dei cittadini: un'Europa dei diritti

Dal trattato di Maastricht in poi, la cittadinanza europea attribuisce diritti supplementari ai cittadini degli Stati membri, tra cui il diritto di circolare e soggiornare liberamente, il diritto di votare e di candidarsi alle elezioni comunali e del Parlamento europeo, l'accesso alla tutela diplomatica di un altro Stato membro al di fuori dell'UE e il diritto di presentare una petizione al Parlamento europeo e al Mediatore europeo. Il programma di Stoccolma approfondisce tale cittadinanza:


Un'Europa fondata sui diritti fondamentali

L'Unione ha avviato negoziati finalizzati all'adesione alla  Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Ciò renderà più stringente per l'Unione l'obbligo di assicurare la promozione attiva dei diritti e delle libertà fondamentali in tutti i settori di sua competenza.


Pieno esercizio del diritto di libera circolazione

Fatto salvo il rispetto di tutte le condizioni previste per l'applicazione dell'acquis di Schengen, l'UE prenderà tutte le misure necessarie per consentire l'abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri dichiaratisi pronti ad aderire allo spazio Schengen. La rete SIRENE svolge un ruolo importante nella gestione dello spazio Schengen.

Speciale attenzione deve essere accordata, in particolare, ai minori vittime di abuso e sfruttamento sessuale e a quelli vittime della tratta nonché ai minori non accompagnati.

Le vittime del terrorismo devono altresì essere oggetto di particolare attenzione.

Conciliare lo scambio crescente di dati personali con l'esigenza di garantire la protezione della vita privata.

Il cittadino dell'Unione che si trovi in un paese terzo nel quale lo Stato membro di cui ha la cittadinanza non è rappresentato gode della tutela delle autorità diplomatiche di qualsiasi altro Stato membro.

 

Vivere insieme in uno spazio che rispetti la diversità e tuteli i più vulnerabili

Nel contesto della politica d'immigrazione dell'Unione, deve essere accordata speciale attenzione, in particolare, ai minori vittime di abuso e sfruttamento sessuale e a quelli vittime della tratta nonché ai minori non accompagnati. L'Unione e gli Stati membri devono continuare i loro sforzi concertati per assicurare la piena integrazione sociale dei gruppi vulnerabili, in particolare la comunità dei rom, incentivandone l'inserimento nel sistema scolastico e nel mercato del lavoro e intraprendendo azioni volte a prevenire la violenza contro di essi. Infine, le persone più vulnerabili che si trovano in uno Stato membro di cui non hanno la cittadinanza e in cui non risiedono necessitano di un sostegno e di una protezione giuridica particolari. Anche le vittime del terrorismo devono esser oggetto di particolare attenzione. (cfr.: Lotta contro il terrorismo)


Diritti della persona nei procedimenti penali

La tutela dei diritti degli indagati e imputati nei procedimenti penali è un valore fondamentale dell'Unione che è essenziale per mantenere la fiducia reciproca tra gli Stati membri e la fiducia dei cittadini nei riguardi dell'Unione. È in quest'ottica che è stata adottata una tabella di marcia volta a rafforzare i diritti procedurali di indagati o imputati in procedimenti penali.

 

Proteggere i diritti dei cittadini nella società dell'informazione

L'Unione deve far fronte ad un compito arduo: conciliare lo scambio crescente di dati personali con l'esigenza di garantire la protezione della vita privata. L'UE intende rafforzare la sua strategia globale di protezione dei dati sia al suo interno sia nell'ambito delle relazioni con i paesi terzi. Un direttiva globale comprenderà pertanto, in particolare, gli elementi essenziali che devono essere contenuti negli accordi sulla protezione dei dati conclusi a fini di contrasto con paesi terzi sulla base di un elevato livello di protezione dei dati.

 

Partecipazione alla vita democratica dell'Unione

La facoltà d'iniziativa dei cittadini dell'Unione introdotta dall'articolo 11 TUE crea un nuovo meccanismo di partecipazione civica.In tale spirito è all'esame l'organizzazione di una giornata elettorale comune per le elezioni del Parlamento europeo.


Beneficiare di protezione nei paesi terzi

Il cittadino dell'Unione che si trovi in un paese terzo nel quale lo Stato membro di cui ha la cittadinanza non è rappresentato gode della tutela delle autorità diplomatiche di qualsiasi altro Stato membro. Saranno adottate le misure appropriate per stabilire il coordinamento e la cooperazione necessari per facilitare la protezione consolare.